rata_evd

Ratatouille di fine autunno

Buondì a tutti! Nella mia terra, il Salento, baciata da sole quasi tutto l’anno, sembra ancora estate…San Martino è passato da poco e le temperature dei primi di dicembre rendono ancora miti queste giornate autunnali. Tanto miti che son riuscita a preparare un’ultimissima ratatouille, un tradizionale piatto provenzale fatto di verdure e molto simile alla nostra caponata. Ho voluto rendere mia questa pietanza, mettendo sul fondo della teglia i pomodorini in conserva che mia suocera ha cotto lo scorso agosto. In questa ricetta, è proprio questo il mio segreto, l’ingrediente vincente: una base di buonissimi pomodorini a km 0 su cui ho disposto a raggiera tre tipi di ortaggi. La cottura ad una temperatura più bassa che io chiamo effetto confit ha regalato alla mia ratatouille un sapore delizioso.
Non vedo l’ora di provare a farla con altri tipi di verdure!
Eccovi la ricetta!

rata_03

Cosa vi serve (per 4 persone)

1 melanzana
1 peperone rosso
2 zucchine
400 gr di pomodorini in conserva
sale e pepe q.b.
spezie a piacere (io ho usato timo,erba cipollina, maggiorana)
1/2 cipolla bianca
olio extravergine d’oliva q.b.

rata_00

Preparazione
Preriscaldate il forno a 160°C. In una teglia tonda da 20 cm di diametro ponete i pomodorini, la cipolla tagliata finemente e condite con un pizzico di sale e un filo d’olio evo.
Mondate le verdure e tagliatele a rondelle con un coltello affilato.
Iniziate a comporre la ratatouille, disponendo a vostro piacere le verdure. Nel mio caso, ho disposto nell’ordine: una rondella di melanzana, una di zucchina e l’altra di peperone fino a terminare tutte le rondelle. Salate, pepate e aggiungete le spezie tra una rondella e l’altra,
Ultimate con un filo d’olio evo e cuocete in forno per 45 minuti. Servite la ratatouille come contorno a piatti di carne o pesce.
Non vi dico il profumino che invade la casa, mi ha ricordato tanto il mio fantastico viaggio di nozze tra Italia e Francia!

rata_04

 Il consiglio
Potete servire la ratatouille insieme al pesce grigliato o ad un rollè di tacchino.

Sia che mangiate carne o pesce, il vino che ho scelto di abbinare alla ratatouille è il Rogito di Cantine del Notaio, che abbiamo degustato in occasione del primo anniversario di matrimonio. Un rosato lucano da aglianico per chi ama i vini rossi, fresco, avvolgente, fruttato. da servire a 12-16°C a seconda della portata.